Come si accede alle strutture sanitarie
Il Servizio Sanitario Nazionale offre assistenza sanitaria a tutti i cittadini sia stranieri che italiani... Il Servizio Sanitario Nazionale offre assistenza sanitaria a tutti i cittadini sia stranieri che italiani. L’iscrizione va effettuata presso i distretti delle Aziende Sanitarie Locali (USL) del comune in cui si abita (comune dove la persona ha la residenza o il luogo indicato sul permesso di soggiorno).
La documentazione viene presentata agli stessi distretti. Cosa significa iscriversi al servizio sanitario nazionale e perchè ? Perché concede la possibilità di scegliere il medico di famiglia ed il pediatra. Il pediatra viene scelto per i minori fino a 14 anni.
Il medico di famiglia e il pediatra possono essere cambiati in qualsiasi momento. Nei presidi si trovano liste con i medici disponibili con i loro indirizzi e orari.
L’iscrizione dà anche il diritto a visite mediche domiciliari, cioè visite del medico a casa tua. ? Perché permette di avere assistenza specialistica tramite la richiesta del medico di famiglia o del pediatra. Non ci vuole la richiesta del medico per le visite dal pediatra, dal dentista, per l’esame della vista (oculista), per il ginecologo e lo psichiatra. Per le visite specialistiche è necessario pagare il ticket prima della visita.
Le visite sono gratuite per:
(a) cittadini di età inferiore a 6 anni e superiore a 65 anni (se il reddito familiare è dentro una certa fascia);
(b) chi è regolarmente residente in Italia, disoccupato ed iscritto alle liste di collocamento (se il reddito familiare è dentro una certa fascia);
(c) i titolari di pensione minima di età superiore a 60 anni e possibilmente per i loro familiari a carico;
(d) i titolari di pensione sociale e i familiari a carico. L’esenzione per motivi di reddito viene fatta attraverso un’autocertificazione su un modulo rilasciato dal distretto.
(e) Altre esenzioni esistono per patologia (ad esempio per malati cronici, portatori di handicap, invalidi di guerra o del lavoro) e per gli esami legati alla gravidanza. ? Perché dà diritto al ricovero gratuito presso gli Ospedali pubblici e convenzionati ? Perché dà diritto all’assistenza farmaceutica (acquisto medicinali) ? Perché l’iscrizione dà anche diritto ad accedere ai servizi sociali offerti dall’USL, per esempio l’assistenza a minori stranieri, l’assistenza a famiglie con persone portatrici di handicap, l’assistenza psicologica e l’aiuto per persone con problemi di tossicodipendenza o abuso d’alcool. Chi può iscriversi al SSN 1.
L’iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale è obbligatoria e quindi gratuita per: A) CHI SOGGIORNA IN ITALIA ED È REGOLARMENTE OCCUPATO Il permesso di soggiorno può essere concesso per lavoro subordinato o autonomo, iscrizione alle liste di collocamento, motivi familiari e ricongiungimento familiare, asilo politico (compresi i rifugiati), asilo umanitario (che comprende i permessi di soggiorno per protezione sociale, per minore età, per donne in stato di gravidanza e puerperio), per motivi umanitari e motivi straordinari, per stranieri ospitati in centri di accoglienza, richiesta di asilo, attesa adozione, affidamento, acquisto cittadinanza, motivi di salute. NON è necessario avere la residenza. Documentazione: 1. Permesso di soggiorno 2. Certificato di residenza o autocertificazione di residenza 3. Contratto di lavoro se è dipendente oppure iscrizione alla Camera di Commercio per il lavoro autonomo, eventualmente iscrizione alle liste di collocamento 4. Codice fiscale
B) CHI HA IN CORSO IL RINNOVO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO per lavoro subordinato o autonomo, iscrizione alle liste di collocamento, motivi familiari e ricongiungimento familiare, asilo politico (compresi i rifugiati), asilo umanitario (che comprende i permessi di soggiorno per protezione sociale, per minore età, per donne in stato di gravidanza e puerperio), per motivi umanitari e motivi straordinari, per stranieri ospitati in centri di accoglienza, richiesta di asilo, attesa adozione, affidamento, acquisto cittadinanza, motivi di salute. Chi sta facendo la prima domanda per il permesso di soggiorno NON si può ancora iscrivere. Documentazione: 1. Ricevuta della domanda fatta per il rinnovo, timbrata e sottoscritta dalla Questura
C) CHI È DETENUTO O INTERNATO, IN POSSESSO O NO DEL PERMESSO DI SOGGIORNO, CHI È IN SEMILIBERTÀ O CON FORME ALTERNATIVE DI PENA. Questi soggetti sono esenti dal pagamento del ticket. L’assistenza sanitaria è garantita non solamente agli iscritti ma anche ai familiari a loro carico con regolare permesso di soggiorno. Chi ha il permesso di soggiorno per richiesta di asilo è esente dal pagamento del ticket. 2.
L’iscrizione al servizio Sanitario Nazionale è volontaria e quindi a pagamento per A) EXTRACOMUNITARI CON PERMESSO DI SOGGIORNO PER MOTIVI DI STUDIO E SENZA REDDITI DIVERSI DA BORSE DI STUDIO O SUSSIDI EROGATI DA ENTI PUBBLICI ITALIANI. Documentazione:
1. Permesso di soggiorno per studio (o ricevuta della richiesta)
2. Certificato di iscrizione ad un istituto scolastico,
3. Autocertificazione del reddito (da dichiarare nel distretto del USL)
4. Versamento da fare in un ufficio postale sul ccp. 289504 intestato a “Amm.ne P.T.contributo SSN” indicando come causale “Iscrizione SSN studente straniero anno 200-“ di 155,97 Euro.
B) CHI È REGOLARMENTE COLLOCATO ALLA PARI IN SENO A FAMIGLIE PER MOTIVI PROFESSIONALI, CULTURALI O DI STUDIO. Questi soggetti hanno diritto all’iscrizione a tassa ridotta (219,49 Euro per persone collocate alla pari), che però non include eventuali familiari a carico. Pagando la tassa completa (387,34 Euro per anno) loro possono estendere l’iscrizione ai familiari a carico. Documentazione:
1. Permesso di soggiorno (o ricevuta della richiesta),
2. Autocertificazione della residenza o dimora,
3. Versamento da fare in un ufficio postale sul ccpn. 289504 intestato a “Amm.ne P.T.contributo SSN” indicando come causale “Iscrizione volontaria SSN persona alla pari anno 200-“ di 219,49 Euro.
CHI RIMANE IN ITALIA PER MOTIVI DI CULTO / MOTIVI RELIGIOSI O RESIDENZA ELETTIVA Documentazione:
1. Permesso di soggiorno (o ricevuta della richiesta),
2. Autocertificazione della residenza o dimora,
3. Versamento da fare in un ufficio postale sul ccpn. 289504 intestato a “Amm.ne P.T. contributo SSN” indicando come causale “Iscrizione volontaria SSN straniero anno 200-“ di un importo calcolato applicando il 7,5% sul reddito prodotto in Italia o al estero NON da lavoro fino a 20658,28 Euro. Sull’eccedente si applica la percentuale del 4%. L’importo minimo è di 387,34 Euro.
La documentazione deve essere presentata ai distretti dell’ USL a partire da gennaio 2003. L’iscrizione volontaria è valida per un anno solare e termina sempre il 31/12 dell’anno in corso. Non è possibile pagare una quota ridotta per periodi più brevi di un anno. Coloro che non scelgono l’iscrizione volontaria devono essere assicurati attraverso un’assicurazione sanitaria riconosciuta dall’ Italia.
Cittadini provenienti da paesi con cui esistono dei accordi bilaterali (Australia, Principato di Monaco, Tunisia, Croazia, Argentina, Slovenia, Brasile, Jugoslavia, San Marino, Macedonia, Capo Verde, Bosnia-Erzegovina) devono essere muniti di moduli attestanti il diritto all’assistenza sanitaria. Comunque, gli accordi sono spesso validi soltanto per una categoria di persone (lavoratori stagionali, parenti di italiani etc.), non per tutte le persone provenienti dal paese indicato. Se l’accordo è applicabile, l’iscrizione è gratuita.
Gli stranieri regolarmente presenti possono richiedere il trattamento medico pagando le relative tariffe se non sono iscritti o altrimenti assicurati. Chi non può iscriversi al SSN Stranieri non in regola con le norme relative all’ingresso ed al soggiorno NON possono iscriversi al Servizio Sanitario Nazionale. Comunque, anche loro hanno il diritto a certe cure mediche. In particolare sono garantiti: - la cura ospedaliera o ambulatoriale per urgenze, malattie essenziali, medicina preventiva e riabilitativa. Sono coperte anche le prestazioni di Pronto Soccorso e i ricoveri urgenti. Sono inclusi i ricoveri non urgenti e i ricoveri in regime di day hospital su richiesta del medico operante nella struttura. - tutela per donne in gravidanza / maternità a parità di trattamento - tutela della salute dei minori - vaccinazioni secondo la normativa e nell’ambito di interventi di campagne di prevenzione collettiva autorizzati dalle Regioni - profilassi e cura delle malattie infettive - trattamenti per la profilassi internazionale - consulenze e accertamenti diagnostici in poliambulatorii e laboratori specialistici (pubblici e privati) accreditati, previa presentazione di prescrizione su ricettario regionale o ricetta bianca rilasciata da strutture del volontariato con le quali le Aziende USL abbia un protocollo d’intesa. Il medico che cura un immigrato irregolare non deve dare nessuna segnalazione alle autorità Cosa è la tessera sanitaria La tessera sanitaria è un documento che viene rilasciato al momento dell’iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale: in esso si trova il nome della persona iscritta, del suo medico ed un numero di identificazione. Bisogna presentarla ogni volta che uno va dal medico o compra farmaci. Per gli immigrati la tessera sanitaria vale fino a quando scade il permesso di soggiorno. Per i rifugiati la tessera sanitaria ha validità illimitata. Quando scade l’iscrizione? L’iscrizione non è più valida quando: - Scade il permesso di soggiorno, tranne il caso in cui si possa mostrare una richiesta di rinnovo dello stesso. - Il permesso di soggiorno non è stato rinnovato, oppure è stato revocato o annullato. - Nel caso di espulsione. Tuttavia l’iscrizione sarà ancora valida se si esibisce la documentazione che dimostri la pendenza di un ricorso contro tali provvedimenti. Come accedere alla cura Lo straniero senza iscrizione al SSN che ha bisogno di trattamento medico viene classificato come Straniero Temporaneamente Presente (STP): Con questo codice, lo straniero irregolare viene assistito, riconoscendo che la “clandestinità sanitaria” diventa un rischio per l’intera società. Il servizio medico viene offerto a parità dei costi con i pazienti italiani, cioè esenti dal pagamento del ticket sono i servizi seguenti: prestazioni di primo livello, per patologia, campagne di prevenzione, età (1-6, > 65) e reddito, esami per donne in gravidanza e maternità (incluso IVG). Come gli italiani, gli STP si possono recare alle Aziende USL per problemi di tossicodipendenza e di disagio mentale. Alle persone STP NON è garantita la scelta del medico e del pediatra. Cosa è il tesserino STP? Il tesserino STP viene rilasciato da alcuni Presidi della ASL e della Azienda Ospedaliera (spesso dal Pronto Soccorso) indipendentemente dal domicilio del richiedente. Il tesserino è valido in tutta Italia per un periodo di 6 mesi (rinnovabile). Sul libretto vengono indicati il nome, cognome, sesso e data di nascita del paziente. Per il rilascio bisogna riempire un modulo che deve essere firmato da un medico (ginecologo per visite ginecologiche, pediatra per le visite dei minori, medici generici o ospedali in caso di ricovero urgente). Ci si può rivolgere a qualsiasi ASL.